© 2018 Pinkenergy - all rights reserved. Site managed by Vicky 

Nutri il tuo cuore

June 7, 2017

Un'alimentazione che fa bene al cuore, è facile da intuire, fa bene a tutto il corpo. Ecco degli utili e semplici accorgimenti per dare qualità a quello che ingeriamo, per nutrirci e non solo per alimentarci. 

 

CEREALI MA INTEGRALI

 Il primo passo è prediligere i cereali integrali: sono fonte di carboidrati, apportano fibre, acidi grassi come l'acido linoleico, vitamine (come vitamine E e acido folico), selenio e lignani. 

L'importanza di scegliere l'integrale sta nel fatto che tutti questi preziosi nutrienti sono ridotti, se non eliminati, durante i processi di raffinazione. La lavorazione e la trasformazione in farine o prodotti da forno implica anche un'aggiunta di sale, che può influire negativamente sulla pressione arteriosa.

Le fibre in particolare modulano l'assorbimento dei nutrienti e possono aiutare a ridurre il colesterolo, sia totale sia LDL (comunemente detto colesterolo cattivo). Un altro effetto della fibra è quello di ridurre i picchi glicemici postprandiali e di indurre senso di sazietà.

 

 

QUALI PROTEINE? 

 

Il secondo consiglio è moderare l'assunzione di proteine da carne, latte e prodotti caseari, scegliendo le versioni più magre e alternandole a proteine vegetali.

I legumi ad esempio, contengono dal 20 al 40% di proteine, senza apportare grassi saturi e colesterolo. La presenza di fibra inoltre li rende utili proprio per il controllo del colesterolo. 

I legumi contengono anche acido folico, importante per il controllo dell' omocisteina, fattore di rischio arteriosclerotico. Infine la presenza di altri fitoelementi, quali isoflavoni, saponine e fitosteroli, concorre alla modulazione dei livelli di colesterolo, un punto in piú per la protezione cardiovascolare.

 

 

O-MEGA BENEFICI

Altra fonte importante di proteine è il pesce, da consumare 3-4 volte a settimana. Il pesce azzurro (sardine, sgombro, salmone, tonno, merluzzo, trota...) è ricco di Omega 3, che hanno importanti effetti sul sistema cardiovascolare, ad esempio un'azione fluidificante sul sangue, vasoprotettiva e in generale antinfiammatoria. Sono fonti di Omega 3 anche semi di lino, semi di canepa, noci, nocciole e mandorle. 

 

5 VOLTE FRUTTA E VERDURA 

La terza indicazione è consumare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, variandole e tenendo conto della stagionalità. A loro favore gioca la presenza di fibra, acqua, vitamine, minerali e antiossidanti. L'ossidazione dei lipidi circolanti e il danneggiamento della membrana vasale sono infatti alla base della formazione della placca aterosclerotica. è bene tuttavia assumere con moderazione la frutta molto zuccherina, come banane, cachi e datteri.

Tra gli ortaggi vince l'aglio: un vero toccasana per ostacolare la formazione di placche di grasso, che ostruiscono la circolazione del sangue, aumentando il rischio di infarto e ictus.

 

I CONDIMENTI BUONI

 

Parlando di condimenti, sarebbe bene preferire grassi di origine vegetale, in particolare olio extravergine di oliva, limitando i grassi saturi come il burro ed evitando quelli idrogenati.  Prediligere al sale l'uso di spezie per insaporire i cibi, limitando anche il consumo di alimenti ricchi di sale, quali insaccati, prodotti in scatola e prodotti da forno in generale.

 

PORZIONI SOTTO CONTROLLO

Anche le porzioni sono importanti: è bene consultare un esperto nutrizionista nel caso il peso fosse in eccesso e bilanciare le dosi dei cibi secondo il proprio reale dispendio calorico, ricordando che anche una sana e giornaliera attività fisica fa bene sia al cuore sia alla mente. 

infine, nel caso servisse ricordarlo...Abolire il fumo!

 

 

" Cereali integrali, legumi, frutta secca oleaginosa, vegetali a foglia verde, ma anche il cioccolato fondente, sono ricchi di magnesio: un minerale che interviene positivamente sull'azione insulinica e quindi puó concorrere a limitare i danni causati da iperglicemia. Il magnesio inoltre, per la sua azione rilassante sulla muscolatura e sui nervi, agisce in modo positivo nel controllo dello stress, spesso alla base dell'ipertensione"

 

(Le informazioni riportate non sono consigli medici. I contenuti hanno solo fine illustrativo e  on sostituiscono il parere medico)

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

POPULAR POSTS

December 11, 2019

December 2, 2019

November 30, 2019

November 22, 2019

November 18, 2019

October 22, 2019

October 6, 2019

Please reload