Fabiana Pieroni e il suo Pony House

La Wonder Woman di questo mese è Fabiana Pieroni, una giovane donna che ha saputo trasformare la sua grande passione per i Pony e i Cavalli nella sua professione.

COME E QUANDO È NATA L'IDEA DEL PONYHOUSE?

Negli ultimi anni ho recuperato diversi Pony e cavalli da situazioni di estremo disagio, avendo un grande terreno a casa mia, mi sono aperta per accudirli con l'intento di dargli una casa sicura e ri-equilibrarli moralmente/psicologicamente. Mi aprii al mondo dell Equitazione naturale, nonostante io sia cresciuta fra i cavalli, questo approccio mi era totalmente sconosciuto.

Fu amore a prima vista: una scoperta di cosa voglia dire COMPRENDERE E COMUNICARE con il mondo equino, senza gerarchie o coercizione, ma con pazienza, affetto e conoscenza di ciò che i cavalli vorrebbero dire ma non possono.

L’equitazione naturale si distanzia nettamente infatti dall Equitazione nota come significato stesso della parola, poiche tramite essa giochiamo, interagiamo e collaboriamo con i cavalli, tramite il loro linguaggio appreso da generazioni di studiosi che hanno osservato la vita dei cavalli in branco, alla stato brado o meno che siano.

COME È NATA LA PASSIONE PER I CAVALLI?

La passione e’ nata da sempre, mia mamma mi racconta ancora oggi come per me i cavalli fossero un sogno.. quelli di noi che quando passi via in macchina e ne vedi uno ti appiccichi al finestrino per guardarlo fino all ultimo istante.

Capendo quanto ci tenessi, nonostante lei dei cavalli aveva pure paura, mi portò nelle classiche scuderie di allora (vecchio stampo, come le chiamo adesso, con un leggero disprezzo..) dove arrivi con tutti i cavalli già pronti sellati e belli in fila, sali, 30 minuti di lezione, e tutti si scende. Fine.

Non esisteva nessuno che ti facesse vivere il cavallo, che ti spiegasse il perché si fa in un modo e non in un altro, probabilmente perché non lo sapevano nemmeno loro. E così anche se a cavallo ci andavo da una vita, di cavalli non ne conoscevo veramente nemmeno uno.

PARLACI DEL METODO NATURAL HORSEMANSHIP?

Ed eccoci a parlare di ciò che mi riempie il cuore, poiche i cavalli, i pony, gli equini, sono magnifici di per se, ma è il modo di approcciarti a loro che fa la differenza.

Natural horsemanship e’ un titolo che hanno dato a questa “conoscenza” e a questo “rapporto”.

Nell'ultimo periodo sono uscite numerose scuole simili che si fondono tutte sullo stesso principio di “etica”, etologia”, naturale” per far capire al meglio il concetto di avvicinamento, dove tutto conta, dove ogni istante che si passa insieme al cavallo è un istante di rafforzamento della fiducia reciproca, di istruzione basata sui fatti.

Come dicevo, di scuole ne sono apparse molte, ma ogni centro Equestre fa proprie le sue idee, i suoi modi, i suoi limiti. Da noi per esempio non è solo l’equitazione ad essere naturale, ma anche la gestione.

I cavalli vivono per natura in branco, e sono stati portati per ragioni puramente di comodità a patire fino anche a 22 ore al giorno chiusi nei box.

Da noi tutto questo è inconcepibile, abbiamo un branco formato da sempre nuovi membri (quando cominci a salvare un cavallo.. e’ difficile fermarsi..) che vive libero in uno spazio aperto, con una scuderia lasciata a loro disposizione per potersi riparare dalle intemperie, riposare o semplicemente stare “al sicuro”, ma senza che ci sia una porta a limitare la socialità fra la specie, fondamentale per loro.

Quindi per noi natural horsemanship è il modo più naturale possibile di vivere insieme ai cavalli.

CHI PUÒ VENIRE AL PONYHOUSE?

In Tutto il Ticino e dintorni non c'erano scuderie che facevano avvicinare il mondo dei bambini a quello dei cavalli/pony, ed e così, spinta dall essere mamma, che ho deciso di rendere possibile tutto questo. Ci sono voluti anni, sacrifici, e ovviamente tantissimo amore per poter realizzare tutto quello che sono oggi, ma ne sono e sarò sempre grata, poichè vedere la felicità dei bambini giocare e coccolare i nostri pony, mi riempie il cuore.