Vita da mamma

March 20, 2019

Dopo due mesi, riprendo in mano il blog, scusate per l’assenza... ma baby E. Ha assorbito tutto il mio tempo (giorno e notte).
 

Non vi racconterò del parto perché credo che sia un’evento tanto meraviglioso quanto privato e ogni mamma lo vive in modo diverso.
Il mio piccolo ha deciso di uscire a metà gennaio, in una domenica di vento con un parto naturale e il sostegno del papà sempre accanto a noi.

Solo vivendolo in prima persona mi sono resa conto di quanto siano speciali le ostetriche che ogni giorno accompagnano ogni donna a diventare mamma e accolgono tra le loro braccia i piccoli miracoli che portiamo dentro di noi.
Un lavoro a volte sottovalutato, che invece andrebbe celebrato e rivalutato poiché nessuno di noi sarebbe presente senza questa speciale figura professionale.
Ho avuto la fortuna di essere assistita da un’ostetrica che ha capito come calmarmi nei momenti più duri e guidarmi in tutto il parto con la massima professionalità. Grazie di cuore!

La settimana passata in clinica mi è sembrata durata un mese... tante sono le emozioni e le cose da sapere ed imparare e soprattutto iniziare a conoscere il piccolo uomo uscito dalla mia pancia.

Realizzare di essere mamma richiede tempo, ma l’amore incondizionato che si prova verso questo esserino è un sentimento unico, profondo e indissolubile che inizi a provare nel
momento in cui te lo ritrovi in braccio appena nato.

Fare la mamma richiede impegno ed organizzazione, ti assorbe 24h/24h ma grazie al sostegno in primis di mio marito e poi dei famigliari ed amici, capisci quanto sia la cos’è piu bella al mondo e realizzi cosa sono le cose importanti della vita.

Si riesce a fare tutto: colazione, pranzo e cena; hai tempo per una doccia veloce e per truccarti. Forse non puoi farti la messa in piega, ma asciugarti i capelli sì.

Alla seconda settimana mi sono buttata e sono uscita a fare una passeggiata con il mio super passeggino, non vi nascondo un po’ di timore del tipo: avrà freddo? e se piange cosa
Faccio? E poi la valigia di cose che mi sono portata dietro...

Piano piano però inizi ad acquisire più fiducia e ti rendi conto che lui non ha bisogno di chissà
che cosa, e che siamo noi genitori a farci mille paranoie inutili.

Grazie a Camilla ho seguito un percorso di pilates in gravidanza e un programma speciale ideato da lei su misura per me da fare in piscina, che mi ha permesso di prendere i giusti kg e rimanere motivata ed informa.
Il parto è stato rapido grazie alla consapevolezza acquisita dagli insegnamenti di Cami sulla respirazione e sul pavimento pelvico.
Una settimana dal parto avevo già perso gli 8 kg che avevo messo su. Non vi nascondo che mi sono concessa delle voglie che non ho potuto soddisfare durante in 9 mesi... sushi? Champagne? Salmone affumicato 😋 e poi qualche dolce in più per compensare le notti ad allattare...

Ora a due mesi dal parto sono pronta per riprendere con l’attività fisica... beh se non prendiamo in considerazione sollevare 5.500 kg di bebe e spingere 10 kg di passeggino, che è già una bella ginnastica!

Vi racconterò del mio percorso fitness nei prossimi post, con qualche aneddoto su baby E. e la mia esperienza day by day da neo mamma.

Stay tuned!

W le Wonder Mums  

 

Xoxo Vicky

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

POPULAR POSTS

June 16, 2020

May 20, 2020

January 27, 2020

January 13, 2020

Please reload

© 2018 Pinkenergy - all rights reserved. Site managed by Vicky