Raffaella Biffi

Quando hai bisogno di energia allo stato puro, non puoi non ascoltare Raffaella Biffi in radio. La sua simpatia e positività è davvero travolgente! Per fortuna che ci sono donne come lei, capaci di strapparti il sorriso in una giornata no, genuina, spontanea e ricca di sorprese; vive le sue giornate frenetiche divisa tra lavoro e vita privata. Pronti per conoscerla meglio?

LE NOSTRE LETTRICI SICURAMENTE TI CONOSCONO PER AVER CONDOTTO IL PROGRAMMA DI CUCINA PIATTOFORTE E AD OGGI TI ASCOLTANO IN RADIO. La cucina color pink di Piattoforte… viene ricordata ancora con molto affetto dagli appassionati di cucina, un rosa che in 5 anni è diventato molto gustoso! “Once upon a time…” dovrei iniziare così a raccontare la mia passione per la Tv: aiutoooo torniamo troppo indietro nel tempo! Fin da piccola sono stata affascinata dai programmi tv a 360 gradi: dal genere intrattenimento e varietà a quelli di divulgazione scientifica. Ho sempre pensato che la televisione fosse una meravigliosa finestra affacciata su tanti mondi! Poi quasi per gioco quando facevo la modella, la mamma di una compagna di classe delle superiori, che si occupava di produzioni Mediaset, ha insistito per presentarmi alla famosa talent scout Gianna Tani, negli anni ’90 era la regina dei casting, colei che lanciava personaggi che nel corso degli anni hanno “bucato il video” (alcuni esempi: Michelle Hunziker, Federica Panicucci, Hilary Blasi…e tantissimi altri). E così hanno iniziato a chiamarmi per partecipazioni ai vari programmi Tv e ho iniziato a muovere i miei primi passi in televisione. Anche se ero molto giovane, attendere fra una produzione stagionale e l’altra di essere chiamata a contratti per faceva per me, il mio carattere mi porta a pretendere certezze e così ho preferito seguire una professione che è diventata un sogno: fare la hostess! Per dieci anni ho volato per il mondo, durante le lunghe soste avevo il privilegio di entrare in contatto con differenti culture da un continente all’altro, tanti stimoli e conoscenze, avevo una gran voglia di raccontarle… fino al punto che ho avuto il coraggio di proporre ad una radio locale un programma da me ideato: “Fashion Time”, tra un volo e l’altro proponevo le mie pillole di trend, mode, invenzioni e curiosità in una radio locale. In seguito la RSI mi ha fatto rituffare nell’affascinante mondo Tv ed ora anche la radio.


COSA TI PIACE DI PIÙ DI QUESTO LAVORO? Tv e radio sono mondi completamenti diversi: ognuno dei quali intrigante e unico per la tipologia di conduzione svolta in un programma, mondi apparentemente paralleli ma che viaggiano su binari diversi per ritmi e modalità di comunicazione. Quello che mi piace della radio è che sono me stessa, nella diretta radio non ci sono attese, tagli o differite. Trovo sia una cosa fantastica, anche grazie alla linea editoriale di Rete Uno che permette di poter esprimere la personalità di chi è al microfono, pur attenendoci al tipo di programma richiesto. La spontaneità può comportare gaffes? Errori? Incertezze? Ma così è la vita… il mood della giornata non lo definisce un bel copione preciso e impeccabile, il mio stato d’animo non mi porterà mai ad avere gli stessi toni, enfasi, curiosità per un’altra intervista che realizzo: ogni giorno è unico e irripetibile grazie alle variabili che lo caratterizzano ed ogni mio interlocutore avrà una personalità e competenza diverse da altri ospiti.

COME FAI AD ESSERE COSÌ SOLARE E CARICA DI ENERGIA OGNI GIORNO? L’energia vitale non la compriamo al supermercato: per me viene alimentata da piccole cose semplici che mi rendono felice ogni giorno che mi donano la carica. Se le cose più importanti alle quali teniamo fortemente sono alla base dei nostri sentimenti e legami, state certi che: come nell’oceano la marea fa sempre ritorno, così è anche per il sorriso: neanche i momenti difficili possono toglierci la felicità! E non dimentichiamo che la musica ci carica di vibrazioni positive!


OLTRE A LAVORARE IN RADIO SEI ANCHE MAMMA. COME RIESCI A CONCILIARE VITA PROFESSIONALE E VITA PRIVATA? In poche parole: facendo i salti mortali! Alcune giornate sono come la corsa ad ostacoli: mille variabili che vorrebbero complicarci la giornata! A volte non tutto va per il verso giusto: ma non mollo e quando arriva sera c’è la soddisfazione che alla fine tutto quello che mi ero prefissata di fare sono riuscita a gestirlo al meglio, poi mi eclisso, magari esausta ma felice! Un grazie infinito va ai 4 nonni che sono degli angeli: nei momenti del bisogno: so che posso contare sul loro adorabile supporto. Lo ammetto: da sole a volte non possiamo arrivare dappertutto!


LA GIORNATA “TIPO” DI RAFFAELLA? Sveglia presto e sono 7 anni che il mio piccolo John Robert mi regala ogni mattina sorrisi e parole dolcissime! Quante risate mi faccio con il mio baby boy! Lo porto a scuola, poi resetto casa e mi organizzo pensando a cosa preparerò per la cena… check alla dispensa e frigorifero! Remind alla baby sitter per gli orari del bimbo in giornata. La pianificazione delle mie settimane di lavoro varia in base ai miei turni di diretta radio. In ufficio in mattinata svolgo lavoro di redazione per la preparazione della puntata e scaletta quotidiana: scelta dei temi da trattare e contatto ospiti per interviste. Nel pomeriggio si accende l’adrenalina con la diretta radio: si finisce alle h 19. Di corsa a casa per la cena…e la serata vola. Poi una vocina mi dice: “mamma vero che anche stasera vuoi giocare con me a scartaggi, palleggi e passaggi?” Ovvio…che la mamma non vede l’ora di giocare a pallone in giardino anche stasera!!! Aiutooooooooo e se non c’è il calcio… passiamo le seratone a giocare al Lego, gioco dell’oca, dama, la classifica delle macchinine, la stirpe dei dinosauri…ma anche niente male guardarsi ogni tanto i cartoni animati. Quando il bimbo si è addormentato: estraggo dall’armadio i miei preziosi manuali di volo di teoria per la scuola di volo che nel tempo libero sto frequentando per diventare pilota e raccolgo le ultime forze per concentrarmi e studiare!

PARLIAMO DI SPORT: HAI QUALCHE PASSIONE SPORTIVA, COME TI MANTIENI COSÌ INFORMA? QUAL È IL TUO SEGRETO? Devo ammettere che vivo di rendita: in passato mi è sempre piaciuto tantissimo praticare sport. Ora il purtroppo il tempo per praticare con costanza un’attività sportiva è sempre più limitato e concentrato: quando non riesco a correre…cerco di tenere un paio di uscite settimanali in mountain bike nei sentieri che costeggiano il lago di Lugano.