© 2018 Pinkenergy - all rights reserved. Site managed by Vicky 

Il metodo della mano

January 13, 2020

Anche quest’anno ci ritroviamo ad aver mangiato un po’ troppo durante le festività, non è vero? Lasciatecelo dire: avete fatto bene a festeggiare con una fetta di panettone in più se vi ha reso felici. Adesso però è giunto il momento di rimboccarvi le maniche e fissare i nuovi obiettivi per l’anno appena iniziato!

 

Uno dei nostri obiettivi è sicuramente quello di motivarti ad avere un’alimentazione sana ed equilibrata, perché noi “siamo ciò che mangiamo“, perciò occhio a casa portiamo a tavola.

 

Ecco come preparare un pasto ben bilanciato

 

Secondo la Società Svizzera di Nutrizione un pasto ottimale deve comprendere almeno una porzione di frutta o verdura, un farinaceo (come patate, cereali o legumi) e un alimento proteico (come pesce, carne, tofu o latticini). Inoltre, è consigliabile abbondare in frutta, verdura e farinacei piuttosto che eccedere con gli alimenti proteici.

Lo sapevi che la pizza è considerato un pasto completo alla pari di un’insalatona mista? Ovviamente, è importante che la pizza non sia troppo grande e che sia accompagnata da una porzione di verdure.

Fino a qui nulla di nuovo, ma a livello di proporzioni?

Definire la quantità esatta consigliata di proteine e carboidrati non è facile: si tratta di un aspetto molto soggettivo che dipende da molteplici fattori come età, sesso, attività fisica e situazione fisiologica (per esempio le donne in gravidanza). Può essere utile seguire la tua mano per comporre il tuo piatto con le giuste quantità: è proporzionata al tuo corpo e le sue dimensioni non cambiamo mai. La tua mano è uno strumento perfetto per misurare gli alimenti e le sostanze nutritive che il tuo corpo richiede. Ecco qualche linea guida:

  • una porzione di proteine grande come il tuo palmo,

  • una porzione di verdure delle dimensioni di un pugno,

  • una porzione delle dimensione di una mano a coppa di carboidrati,

  • un pollice per una porzione di grassi.

Ciò che consigliamo è comunque di ascoltarsi, facendo attenzione alle proprie sensazione di fame. Infatti, un aspetto da non sottovalutare quando si consuma un pasto, oltre a ciò che si ha nel piatto, è il nostro atteggiamento.

Mangiare in mondo mindful permette di ascoltare il nostro corpo ed è un modo di nutrire la nostra mente. Il cibo che ingeriamo influisce sulla salute e sull’umore. È fondamentale quindi ritrovare il feeling con i nostri sensi e scegliere di consumare con consapevolezza ciò che mangiamo. Segui questi consigli:

  • respira e controlla la tua pancia per essere consapevole del tuo livello di fame

  • osserva il tuo cibo (aspetto, profumo, provenienza),

  • togli il pilota automatico e vivi il presente, assaporando ogni morso con consapevolezza,

  • rallenta il ritmo quando mangi, ciò ti permette di essere consapevole di quanto la fame fisiologica è raggiunta,

  • mastica bene il cibo,

  • goditi quel che mangi.

Imparando a mangiare con consapevolezza tutto il cibo ti sembrerà mille volte più buono e gustoso. Ti basterà anche mangiarne molto meno, perché ne sarai appagato molto prima.

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

POPULAR POSTS

January 13, 2020

December 22, 2019

December 21, 2019

December 17, 2019

December 16, 2019

December 15, 2019

December 15, 2019

Please reload